Notizie

Condividi su:   Facebook Twitter Google

S.E. Mons. Arturo AIELLOGRAZIE…Buon Cammino, padre!

Desideriamo ringraziare S.E. Mons. Arturo AIELLO da venerdì scorso vescovo di Avellino. Vorremmo ringraziarlo per la fatica affrontata non solo per il governo della Diocesi, partecipando sempre ai momenti significativi della comunità e delle persone, tristi o lieti, ogni qualvolta era invitato, ma anche per il grande sforzo ad adeguarsi alla nostra mentalità, al nostro ambiente, ai nostri temperamenti, e lo ha fatto dimostrando di volerci un bene grande, non solo come persone, ma soprattutto come comunità di fratelli uniti dal vincolo dell’amore del Signore risorto e vivo in mezzo ai suoi. I suoi interventi, i suoi richiami, altro non sono stati che un continuo stimolo per educare il popolo di questa chiesa a una lettura conforme alla fede. Venerdì è stato il momento dell’addio definitivo, ha lasciato in tutti noi un senso di amarezza e di dispiacere, mitigato soltanto dalla consapevolezza che questa nuova missione sia per lui la volontà del Signore. Ciò non toglie che ci sentiamo un po’ orfani, perché come mi faceva osservare un sacerdote, al di là di qualche difficoltà dovuta alla personalità di ciascuno di noi, gli abbiamo voluto bene. Ed è questo ciò che conta. Certamente anche il volere bene comporta qualche sofferenza, anzi non c’è amore senza sofferenza, quindi chiediamo al Vescovo di perdonare le amarezze, i dispiaceri e le delusioni che possiamo avergli procurato, dimostrandoci così un supplemento di affetto. Il Vescovo Arturo ha lavorato per la Chiesa e per la nostra diocesi con passione, con competenza, con affetto; gli diciamo ancora Grazie! E soprattutto chiediamo al Signore di accompagnarlo con la sua benedizione. Noi lo seguiremo con il ricordo e la preghiera nel nuovo e impegnativo capitolo della sua vita che sta per aprirsi, gli assicuriamo che conserveremo il suo ricordo e che se e quando vorrà tornare a trovarci troverà sempre accoglienza e affetto. Un ringraziamento e somma gratitudine per un episcopato di grande intensità, che ha dato un impulso importante alla vita pastorale della nostra chiesa. Di una cosa siamo certi, Eccellenza. Lei ha amato la nostra diocesi con la passione dell’innamorato. Mi permetta questa espressione. Ora Le diciamo: il primo amore non si scorda mai! Non manchi di farci sentire la sua vicinanza, nonostante la gravosità del compito che l’aspetta. L’accompagneremo con la nostra preghiera e sapremo fare tesoro degli insegnamenti ricevuti. Grazie ancora don Arturo, a nome della Comunità di Sant’Agostino che ha avuto la gioia di condividere con lei la sollecitudine per questa nostra parrocchia, modesta, a volte lenta e fragile, ma sempre radicata nella fedeltà a Cristo.

Papa Francesco nomina Monsignor Arturo Aiello nuovo vescovo di Avellino
foto vescovo e don GiosuèIl Papa ha nominato sabato 6 maggio Monsignor Arturo Aiello, finora nostro vescovo di Teano-Calvi, nuovo vescovo di Avellino. A darne notizia è la Sala Stampa della Santa Sede. Rivolgiamo al nostro amatissimo Monsignor Arturo Aiello i più sinceri auguri per il suo nuovo impegno pastorale di Vescovo di Avellino. Sua Eccellenza saprà svolgere la nuova missione affidatagli dal Santo Padre con impegno e dedizione, con le quali illuminerà i fedeli attraverso l’esperienza dell’attività svolta nella nostra diocesi. Come Comunità eleviamo al Signore preghiere di intercessione perché egli guidi con saggio ministero pastorale la diocesi di Avellino che il Santo Padre ha voluto affidargli e che prossimamente lo accoglierà con amore e devozione. La luce, la grazia e la forza dello Spirito lo renderanno sicuramente padre illuminato e coraggioso con la protezione della Vergine santissima.

Siamo ritornati nel  “Cenacolo”!
Da Giovedì 27 aprile ci siamo ritrovati con particolare emozione nel nostro umile Cenacolo. Una Chiesa con Gesù Eucaristia esposto. 189177_154042787988662_100001488248933_315374_654996_nAbbiamo vissuto un momento di grande gioia nella preghiera e nella meditazione. Nel fraterno abbraccio di don Giosuè a tutti i presenti, abbiamo avvertito un’infinita gioia e ci è venuto in mente l’immagine di Gesù che va incontro al pellegrino.  Buon cammino a tutti.